mercoledì 12 dicembre 2018

L'inverno dei giorni


Porge rannicchiato il dorso
Delle mani
Incrociate in viso
Il sole timoroso di dicembre.

Noi non lo abbiamo guardato
Veramente
Incatenati alla cornice di buio.
Siamo colpevoli
Condannati
Savi.

Sul braciere di un tramonto, in nuce
Cuciamo orizzonti immaginati.
Siamo questi?
Sono questi i tagli dell'abito
Indossato e già liso?

Non c'è scheggia, o brama, o guizzo
O minutaglia
Di bene 
O male
A popolare le vie del nostro dare.
Dorme scriteriato un gatto
Sui cuscini schiacciati:
Il fiammifero non attecchisce,
La scintilla scontra la goccia 
E tace.

Andiamo via, così, in nessun luogo.
Nessun luogo
Che meriti attenzione.


venerdì 7 dicembre 2018

S068



S068
Accettazione e pagamenti.
P090 S070
Letti e riletti e riletti e riletti.
Ortottica si bea del suo mistero.

E ancora S090 P072
Mi portano in Giappone
Tra nigiri e uromaki
Ricordo Midori
In un sogno di Murakami
Che si faceva abbracciare da un orso
Per noi bambini sempre bruno.
E il Tanuki?
Agita lo scroto ancor oggi
Dalle verande e dalle ghignate.

Non so se bruciare questo scranno di carta
D'attesa
Di ore
Ravvivare il ciocco
Divampare il tutolo
Dare il benvenuto e l'addio
Alla pasta, all'acqua per lavarne il piatto.

S068
Utenti in coda: 09
5 dicembre 2018
09:34
Un chiodo piantato
Un quadro di un quando sopra un dove
Sopra un come, sopra un purtroppo.

I sassolini delle giornate
Nel vaso di terracotta
Sono marinai della promiscuità
Fate pensose
Guerrieri assediati.


martedì 4 dicembre 2018

Divisa simmetria


Cercando di dividere
Il garanza dal carminio
Il passo dallo sgambetto
Il gin tonic
Dall'acqua ragia.

Nemmeno tagliata a metà
La luna smette d'essere bersaglio.

Il fumo si siede sui comignoli
E ammira, ammirato; la tramontana
Spezza i bossi e le persiane.
Lo stormire si finge crepitio, il sonnecchiare
Oblio 
E la simmetria divide
L'ala dal suo battito,
Le occhiate curiose o
Affrante
Dalle insane.





martedì 27 novembre 2018

Conditi dal sonno


Abbiamo mangiato abbracci
Conditi da tantissimo sonno.

E c'era sempre della dolcezza
Nelle braccia anchilosate
Del risveglio;
Della mancanza
Negli occhi ancora arresi
Alla marmellata dormiente
Sul pane abbrustolito.

Restavano sotto le coperte
I sogni dimenticati
A tenere al caldo il ritorno, a tenere
Le porte aperte.
.




giovedì 22 novembre 2018

Lombrichi


Lombrichi
Le giornate asfalto bagnato:
Uno stelo
Sbatacchiato e offeso,
Una foglia sprimacciata
Dall'alito di novembre.

Ostacoli che hanno raccolto l'odio,
La bestemmia, la brama.

Non la cornacchia, non il merlo
Assisi sul ramo spoglio;
Non l'automobile spietata, non la suola del corridore
Si accostano allo strisciare muto.

Ghermiti.
Uno a uno a uno a uno
Sotto l'occhiolino dei lampioni
E la scia
S'allunga e misura la lontananza 
Dal bordo che porta al bordo.

Tutto tace nello sciacquare
Dai bordi ai fossi
Dove le ragnatele sono cattedrali e le zampe
Ali.



Luna nel bicchiere


Luna nel bicchiere
Guerriera disarmata
Brama castagne.


lunedì 12 novembre 2018

Crisantemi


L'ultima cosa
Che mi restava di te
Era una birra.

L'ho bevuta.

E il rutto ha rimescolato il ricordo
                             [sapeva di mela 
E questo disco dei Low
Non lo ascolteremo assieme alla luna
                             [muta
Né il waltz di Thom
Né il Jazz di Neneh.

Dove ti sei lasciato cadere
Armato di ali e di anticaglie?

Suona, telefono, suona
Eco dirimpetto al foglio.
Attitudine
All'entropia domata e domatore
Di qualcuno d'altri.

Qui
Piove nebbia.

Schiacciate dall'umidità le foglie
Non scricchiolano più.
Una bolgia di riverberi
Festante
Si è coricata assieme
Alle luci della strada

Mattina di novembre.

Il vaso sul tavolo desta
La gratitudine per la madre,
Per la bellezza scorta
Nelle chincaglierie.

Crisantemi esplosi dagli orti
In tutto ciò che non è inverno
Ma ne mostra le mani,
Il respiro
Desiderato.





lunedì 8 ottobre 2018

Autunno è così


Non ti manderò
Più poesie, haiku
Forse parole.

Foglie cadute
Impertinenti sfidano
Le nostre suole.

Autunno è così:
Diradarsi di spazi
Tacer di viole.


domenica 7 ottobre 2018

Sei pioggia


Sei pioggia
Stille di luce, fresco, bizzarrie.
Come conservarti
Rinchiuso
Nel cerchio del secchio?
Marciresti
E asciughi presto
Dagli abiti leggeri
E dai tradimenti.

Sei quello evitato
Quello non scelto
Guardato
Pensato
Temuto soprattutto
Ricordato.

Sei pioggia
Instabile
Di te non sai, non so
Quando verrai, tornerai
Ma ogni volta sei 
Scroscio, imprevisto
Melodia
E dopo di te
Colori nuovi, rinnovati.

E cinguettare, profumare
Dubitare eppure
Non scelto,
Non lottato,
Non richiesto
Silenzioso te ne vai.
L'asfalto bagnato
Disegna una teoria 
Di memorie

E tutto è già stato 
Detto e taciuto.


giovedì 4 ottobre 2018

Cose, Scatole



Una cosa
Un luogo
Il corpo
Musica
Parole
Pane caldo
Una piazza
Un bacio
Latte
Nesquik
Marmellata
Un fiore
Kendrick
Il divano

Un luogo
Il corpo
Una cosa
Musica
E parole
Sterpo
Campagna 
Doro 
Luna 
Bibione
I baci
La pioggia
Gemona
L'elastico
Le zucchine

Il corpo
Parole
Musica
Un luogo
Una cosa
Lingua
Fragole
Sesso
Vino
Sampha
Grecale
Motta
Trieste
Lignano

Parole 
Musica
Una cosa
Un corpo
Un luogo
Poesia
Tergicristallo
Blake
Cappello
Tavan
Prosecco 
Mare
Buio
Conchiglie

Musica
Luoghi
Parole
Cose
Il corpo
Tavolo
Tette
Tenda
Tremore
Radiohead
National

Luoghi
Corpi
Musiche
Parole
Le cose
Pippi
Haiku
Sarmede
L'ortensia
Gli abbracci
Le ombre
I capelli
Il bosco
Le rose

Le cose
Una scatola
I luoghi
Un ricordo
Il corpo
Memoria
Musica
Silenzio
Parole
L'invisibilità.




 

Il blog di gelo

Salvadeat

Il mostro sul comodino

Copyright 2010 pensieridigelo. All rights reserved.
Themes by Bonard Alfin | Distributed by: free blogger template videobest blogger templates of 2013 | best vpn anonymous best vpn on mac