mercoledì 2 maggio 2012

Tu dormi

Tu dormi.

Io ti allaccio in un pensiero candido.

Hai ripiegato le ali sotto il lenzuolo,
La stanchezza imperterrita 
A vibrare nelle gambe;
Raso e miele, 
I sogni e la pelle
Che regali al cuscino.

Non ho abbastanza corda,
Nelle mie tasche,
Solo bellezza e follie
Da sputtanare.

Tu dormi.

Io progetto salti mortali
E capriole
E meraviglie.

E comincio leggero, 
Scalzo,
Timido,
Appoggiando parole silenziose,
Sul tuo comodino,
Da prendere in mano al mattino.


Related Article:

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Un pensiero che è come una carezza.
Trovo deliziosa la progressione "leggero, scalzo, timido".

L'anonima maiuscola

gelo stellato ha detto...

però... bello avere qualcuno che comprende. grazie! :)

Anonimo ha detto...

"Avere qualcuno che comprende" anzichè "Essere compresi" (ovvero la differenza che passa tra dialogo e monologo).
Grazie a te :-)

L'anonima maiuscola

Posta un commento


 

Il blog di gelo

Salvadeat

Il mostro sul comodino

Copyright 2010 pensieridigelo. All rights reserved.
Themes by Bonard Alfin | Distributed by: free blogger template videobest blogger templates of 2013 | best vpn anonymous best vpn on mac