martedì 15 settembre 2015

Unicità, sempre dall'oblio


Non c'è poi molto da salvare
Nel baluginare
Di tutte queste pozzanghere tremanti:
A malapena mettono su
Una idea di faccia
Di fronte alle insegne dei bar
O delle pizzerie.

Né nelle stazioni radio pare 
Esserci una qualsiasi vendetta
O abbandono:
Sempre le stesse canzoni, 
pesci poveri pescati dalla riva
Di fronte a un oceano di cui 
Non si conoscerà mai la fine.

Domani fa le bizze, invecchia, scapriccia. 
Non abbiamo il fiato di trattenerlo e fatico,
Io che ho scelto l'indistinto,
A tenerlo
D'occhio, fermo e a bada.

Il latte caldo è una luna nel bicchiere,
Mi sono caduti tutti i denti, gli occhi e buona parte delle delle dita.
Fuori non piove più ma l'alba
Non verrà, ne manderà a dire
Del perché ci lascia soli.



Related Article:

2 commenti:

Micaela Stocco ha detto...

Molto bella questa quasi poesia prof molto intensa...

gelo stellato ha detto...

Cheste mi plaseve anche a mi 😊

Posta un commento


 

Il blog di gelo

Salvadeat

Il mostro sul comodino

Copyright 2010 pensieridigelo. All rights reserved.
Themes by Bonard Alfin | Distributed by: free blogger template videobest blogger templates of 2013 | best vpn anonymous best vpn on mac