venerdì 10 maggio 2013

Mi hai tradito

Mi hai tradito.
Non una, non due volte.

Lo hai fatto mentre ero in ospedale, 
Troia,
Mentre portavo i figli a scuola, 
Mentre cercavo un parcheggio in culo
Al mondo,
Perché gli altri erano già
Dei più ricchi o stronzi.

Mi hai tradito mentre ero al lavoro
Pagato male e poco,
Mentre contavo gli spiccioli,
I minuti,
Le pecore.

Me l'hai fatta in faccia,
Mentre mi chiedevi soldi, documenti, tempo
Di cui non avevi bisogno
O di cui più io
Ne avevo.

Mi hai tradito con una promessa in volto,
Una penna in mano,
Una pietra al cuore.

Mi vuoi portare via tutto,
L'auto, la casa, la cultura,
Il sonno che non mi vuoi concedere nemmeno
Sopra le panchine.

Mi hai tradito 
Sul taccuino di un carabiniere, di un notaio,
Di un medico, finanche del becchino, mentre io
Non l'ho fatto mai.

Non saprei come, con chi, 
Non ne avrei nemmeno, credo,
La voglia o convenienza.

Che hai da darmi, tu, Paese mio,
Da darmi
Che ancora valga e voglia.




Related Article:

2 commenti:

Romina Tamerici ha detto...

Anche se non amo le parolacce, questo testo mi è piaciuto molto! Complimenti.

gelo stellato ha detto...

grazie :)

Posta un commento


 

Il blog di gelo

Salvadeat

Il mostro sul comodino

Copyright 2010 pensieridigelo. All rights reserved.
Themes by Bonard Alfin | Distributed by: free blogger template videobest blogger templates of 2013 | best vpn anonymous best vpn on mac