giovedì 4 aprile 2013

Lei, senza


Lei è venuta qui,
Senza bussare, senza
Suonare il campanello,
Senza vestiti, senza
Le gambe e 
Senza nemmeno il cuore.

E' venuta e noi, senza
Accorgercene l'abbiamo
Carezzata,
Derisa,
Ignorata,
Poi abbiamo giocato un carico
Quando era in terza
Di briscole.

Lei che a volte vince a punti,
A volte
Per abbandono.
Ma non si fa vedere in faccia,
Ama,
Accende i fuochi,
Scuote i muri per farsi notare.

Lei,
Malattia,
Compra senza dare
Disegna senza mani
Quadri che verranno.


Related Article:

4 commenti:

Romina Tamerici ha detto...

Mi piacciono le tue poesie con il buio dentro... solo che è difficile commentarle.
L'ultima strofa mi è piaciuta davvero tantissimo.






gelo stellato ha detto...

ma che vuoi, son pensieri venuti così, quindi commentare, in effetti, è un di più, quasi un regalo. Metterò la casellina con scritto "piaciuto" :)
comunque grazie... penso tu sia una dei pochi che leggono i pensieri di gelo :)

Romina Tamerici ha detto...

Oh, io non le sopporto le caselline. Commento volentieri, anche se vorrei saper dire cose sensate!

gelo stellato ha detto...

e ci hai ragione, ora le tolgo va, :)

Posta un commento


 

Il blog di gelo

Salvadeat

Il mostro sul comodino

Copyright 2010 pensieridigelo. All rights reserved.
Themes by Bonard Alfin | Distributed by: free blogger template videobest blogger templates of 2013 | best vpn anonymous best vpn on mac